ISSN: 2239-4168

Numeri 7 e 8:

Il prossimo fascicolo della rivista (numeri 7 e 8)  uscirà in autunno e conterrà gli atti del convegno internazionale “Gli studi interculturali: teorie e pratiche nel contesto degli scambi culturali con la sponda Sud del Mediterraneo” tenutosi presso la Sapienza, Università di Roma il 28 e il 29 novembre 2013.

 

Numero 6, dicembre 2013

Numero 5, giugno 2013

Numero 4, novembre/dicembre 2012

Numero 3, giugno 2011

Numero 2, dicembre 2011

Numero 1, giugno 2011


 

 

 



La rivista di Arablit

è una rivista on line open access a periodicità semestrale edita dall’ Istituto per l’ Oriente C. A. Nallino di Roma e diretta da Isabella Camera d’Afflitto, professore ordinario di Letteratura Araba Moderna e Contemporanea presso lʼ Istituto Italiano di Studi Orientali - ISO della Sapienza Università di Roma.
Scopo della rivista è pubblicare, grazie al contributo di studiosi italiani e stranieri, lavori di ricerca originali e di qualità sulla letteratura e cultura araba, dagli inizi dell’epoca moderna fino ai tempi più recenti. Pensata per offrire uno spazio di approfondimento accademico, La rivista di Arablit si augura di apportare un valido contributo al dibattito scientifico in atto tra gli addetti ai lavori, ma anche di poter raggiungere un maggior numero di lettori interessati alla letteratura e cultura araba.
La rivista di Arablit adotta il sistema di valutazione double blind peer review.
I singoli autori sono responsabili del contenuto dei propri scritti.

Per scaricare gli articoli del primo numero clicca qui.

Editore:
Istituto per l'Oriente Carlo Alfonso Nallino
Via A. Caroncini, 19
00197 - Roma - Italia

Tel. 06.808.41.06
Fax. 06.807.93.95

Questa rivista è pubblicata sotto una licenza Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivs 3.0 Unported. Lʼopera è protetta dal diritto d'autore e dalle altre leggi applicabili. Ogni utilizzazione che non sia autorizzata ai sensi della presente licenza è proibita.

© La rivista di Arablit - Istituto per lʼOriente C. A. Nallino

Con il patrocinio dell' Istituto Italiano di Studi Orientali - ISO